Da quest’oggi in edicola la terza parte della nuova saga pikappica “Il marchio di Moldrock”, che verrà pubblicata per quattro settimane su Topolino (dal n.3205 al n.3208).

La saga si ricollega al filone inaugurato con “Potere e Potenza” e proseguito con “Il raggio nero” (filone che, tra l’altro, è stato intervallato da “Gli argini del tempo” e “Cronaca di un ritorno”). Soggetto e sceneggiatura di Francesco Artibani, matite Lorenzo Pastrovicchio.

L’episodio si apre col buon vecchio Angus che, intento a fare un servizio su recenti accadimenti, viene intercettato da Moldrock. A tirarlo fuori dai guai il provvidenziale arrivo di un’auto self-driven controllata da Hicks in costante ronda per salvaguardare la cittadinanza.

Fangus non è però l’unica preda a sfuggire alle grinfie di Moldrock: Pk e l’archiatra Karkadon, a bordo di un’astronave assemblata da Hicks basandosi sui progetti di Everett, attraverso un passaggio sotterraneo (si veda Pkna #4, “Terremoto”) sfuggono allo schermo ad alta energia presente su Paperopoli. Obettivo: raggiungere il Pozzo (celebre planetoide artificiale evroniano usato come prigione-laboratorio) per recuperare Trauma.

Il viaggio procede senza problemi. All’arrivo, però, qualcosa non quadra: molti prigionieri sono liberi sulla superficie del planetoide. Tra questi i predoni Grozsnaz, dei bellicosi nanetti intenzionati a fuggire dal pianeta con l’astronave di Pk. All’improvviso un altro prigioniero in libertà attacca il gruppo ed il nostro eroe protegge i predoni, che decidono dunque di essergli amici. Così scopriamo che il Pozzo è attualmente sotto il controllo di una certa grande testa verde.

Dopo aver promesso di portare via dal Pozzo anche i predoni, Pk e l’archiatra si fanno condurre dai piccoletti all’interno dell’edifico della testa verde per ottenere maggiori informazioni su Trauma. In breve il gruppo giunge alla sala della testa verde, che si scopre essere Nebula Faraday, divenuta verde a causa del pessimo cibo ingerito.

L’archiatra svela la presenza della comitiva e rivela a Nebula di avere un piano di dominazione della galassia attraverso l’uso combinato di Trauma e Moldrock. Nebula è interessata al piano del doppiogiochista e rivela che Trauma è ancora contenuto nella struttura. Pk ed i predoni a colpi di Extransformer si fanno perciò largo tra la pletore di evroniani e riescono a raggiungere Trauma.

Pur di essere liberato, Trauma accetta di aiutare Pk contro Moldrock e così tentano di recuperare l’astronave per tornare sulla Terra. La guarnigione evroniana che li attende alla nave è però molto nutrita: Trauma viene immobilizzato e Pk accerchiato. L’epilogo tra 7 giorni!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*