content top

Droidi – Ep.3

Droidi – Ep.3

In edicola Pk con la nuova saga “Droidi”, pubblicata per tre settimane su Topolino (dal n.3287 al n.3289), realizzata dalla penna di Alessandro Sisti e le matite di Claudio Sciarrone. Disponibile in edicola e fumetteria il libretto n.3289 con il terzo ed ultimo episodio. La serie “Droidi” è un filler e perciò non prosegue le avventure del filone “Moldrock & Co.”. L’episodio riprende là dove ci siamo lasciati 7 giorni fa: Tyrrel Duckard ha appena consegnato Zyba, così Pk e Moris decidono di avventurarsi al 151° piano alla ricerca di qualcUNO. La stanza è deserta e relativamente sicura, così Moris inizia a raccontare il movente della sua fuga e di quella degli altri due droidi. Nel 2298 Chandra è presidente dei costruttori di Robot, industria in crisi a causa della fiorente produzione di droidi da parte della Robolab di Eidolon. Prossimo a diventare ministro della robotica, intende provocare dei malfunzionamenti dolosamente a svariati droidi al fine di nazionalizzare la Robolab, rendere illegali i droidi e risollevare le industrie di robot. I droidi personali di Chandra vengono però in possesso dei documenti che descrivono il malefico piano, a causa di un involontario scambio di persone tra il vero politico e la sua controfigura droide. I tre si danno dunque alla fuga e si nascondono in un tempo precedente, poco prima dell’introduzione dei droidi, in modo da esser certi di poter condurre un’esistenza tranquilla e poter disporre agevolmente di parti di ricambio. Insomma i droidi non paiono proprio essere fuggiti per compiere qualche atto di terrorismo spazio-temporale e la versione di Tyrrel inizia a diventare insostenibile. Già, Tyrrel! Non passa molto tempo prima che il Superpapero e Moris siano raggiunti da presunto tempoliziotto. Si scopre infatti che Tyrrel non fa più parte della Tempolizia ma sta agendo da Detective Privato per conto di Chandra al fine di ricuperare i droidi e i documenti che hanno trafugato con le prove dei suoi malefici intenti. E’ subito scontro a fuoco ma Pk, grazie al provvidenziale intervento della vera Tempolizia riesce ad avere la meglio. Veniamo a sapere dall’ispettore Wuff che Chandra è già stato arrestato grazie alla tempestiva denuncia di Eldos Eidolon, nipote di Odin. Ma come può un discendente di Odin aver avvertito la tempolizia al momento giusto? C’è solo una spiegazione, anzi UNO. La nostra Palla Verde preferita, infatti, è sempre rimasta attiva al 151° piano e, oltre ad aver contribuito durante lo scontro con Tyrrel, ha “ricordato per diversi anni” di dover contattare al momento giusto la Tempolizia. L’unico interrogativo aperto riguarda la gran confusione mentale di Pk, come mai non ricordava tutti gli avvenimenti corretti? Ebbene pare che Tyrrel si sia recato nel 21° secolo non...

Read More

Droidi – Ep.2

Droidi – Ep.2

In edicola Pk con la nuova saga “Droidi”, pubblicata per tre settimane su Topolino (dal n.3287 al n.3289), realizzata dalla penna di Alessandro Sisti e le matite di Claudio Sciarrone. Disponibile in edicola e fumetteria il libretto n.3288 con il secondo episodio. La serie “Droidi” è un filler e perciò non prosegue le avventure del filone “Moldrock & Co.”. L’episodio riprende là dove ci siamo lasciati 7 giorni fa: Tyrrel Duckard ha appena consegnato Soren e Pk è pieno d’interrogativi su quale sia la parte giusta a cui dare manforte. Frattanto Zyba (uno dei droidi ricercati da Tyrrel), resasi conto della cattura di Soren, scappa e trova rifugio nel parcheggio della Ducklair Tower, dove si imbatte in Leonard Vertighel. Il Dottor Vertighel è da poco stato assunto alla Robolab controllata da Odin Eidolon, che gli ha affidato un laboratorio per condurre avanzate ricerche sugli androidi. Nel mentre il terzo droide ricercato, Moris (controfigura del proprietario, il potente politico Chandra), è alla ricerca dei compagni e s’imbatte in un messaggio lasciato da Pk che lo invita ad incontrarlo presso la Ducklair Tower. In tutto questo Pk continua a nutrire profondi dubbi sui reali scopi di Tyrrel e su chi gli stia dicendo la verità, così il diverbio fa presto ad accendersi ed i due si separano. Pk si reca così alla Ducklair Tower dove ha dato appuntamento a Moris. Il Superpapero racconta della cattura di Soren e inizia a credere che gli siano stati impiantati dei finiti ricordi. Nel mentre Moris riceve una telefonata da parte di Zyba che li invita a raggiungerli nel laboratorio di Vertighel in un piano della Ducklair Tower. La rimpatriata non ha successo: Tyrrel intercetta la posizione di Zyba e si reca nel laboratorio di Vertighel. Un prototipo inanimato di androide rianimato da Zyba – con grande stupore del Dottore – evita alla fuggitiva la disintegrazione, tuttavia la giovane fuggitiva è comunque in trappola. Zyba viene dunque catturata e un giovane Vertighel in lacrime conclude...

Read More

Droidi – Ep.1

Droidi – Ep.1

In edicola Pk con la nuova saga “Droidi”, pubblicata per tre settimane su Topolino (dal n.3287 al n.3289), realizzata dalla penna di Alessandro Sisti e le matite di Claudio Sciarrone. Questa settimana è disponibile in edicola e fumetteria il libretto n.3287 con ilprimo episodio. La serie “Droidi” è un filler e perciò non prosegue le avventure del filone “Moldrock & Co.”. L’episodio si apre con un combattivo Pk che, dopo essere stato folgorato da una misteriosa arma, si risveglia nel 2179 dinnanzi a Tyrrel Duckard (Tempoliziotto radiato per aver tentato di distruggere il XXI secolo pur di riuscire a ritornare al XIII secolo durante la fase di microcontrazione che ha impedito i viaggi temporali) che inaspettatamente lo considera suo “socio”. Pk non ricorda assolutamente nulla a causa della recente folgorazione, così Tyrrel lo aggiorna sugli ultimi avvenimenti: il superpapero è stato prelevato da Tyrrel per avere un aiuto in una missione per conto della Tempolizia – che lo ha da poco reintegrato – che consiste nel bloccare tre droidi fuggiti nel tempo per modificare un evento decisivo nella loro evoluzione. Proprio durante l’inseguimento di uno dei fuggitivi Pk pare sia rimasto colpito e abbia rimosso, al risveglio, i ricordi recenti. I tre droidi ricercati appartengono a Ruvo Chandra – un pezzo grosso del 2298 – e sono Zybe (segretaria personale), Soren (guardia del Corpo) e Moris (replica attante, ossia controfigura). Il racconto di Tyrrel prosegue, ci sono alcuni indizi utili alla missione: si sa il tempo in cui i tre ricercati si sono recati ed è presente una fotografia di Pk assieme a Soren di cui Pk non ricorda l’esistenza e teme si tratti di un altro Pk, proveniente da un’altra epoca. Frattanto i due raggiungono la Robolab, società che costruisce droidi che nel 2179 è stata recentemente acquistata da un giovane genio: Odin Eidolon. Tyrrel ritiene che se i tre droidi ribelli potessero prendere il controllo di tale società la storia potrebbe essere riscritta. Proprio nei pressi della Robolab, Pk intravede Soren. Il superpapero cerca di bloccarlo ma Tyrrel non può dare supporto perché un certo ispettore Wuff lo conduce forzatamente via per fargli delle domande. La situazione è paradossale: Soren non cerca in nessun modo di fuggire da Pk, sostiene di aver lasciato il futuro per salvarsi e propone a Pk di spiegargli la sua versione assieme a Zyba e Moris. Soren ha il sospetto che a Pk siano stati manomessi i ricordi, tuttavia – prima di poter ricevere alcuna spiegazione – Tyrrel sopraggiuge, mette a KO Soros, trafuga certi suoi oggetti personali e lo consegna. Si conclude così il primo episodio della serie. I disegni di Sciarrone sono stupendi, il tema...

Read More

In arrivo il 21/11 la nuova saga di Pk: DROIDI

In arrivo il 21/11 la nuova saga di Pk: DROIDI

Mercoledì 21 novembre su Topolino 3287 farà la comparsa il primo episodio della nuova saga Pikappica “DROIDI”, realizzata dalla penna di Alessandro Sisti e le matite di Claudio Sciarrone. Come per le precedenti saghe, vi terremo informati settimana per settimana con recensioni e commenti ai singoli...

Read More

L’orizzonte degli eventi – Ep.5

L’orizzonte degli eventi – Ep.5

In edicola Pk con la nuova saga “L’orizzonte degli eventi”, pubblicata per cinque settimane su Topolino (dal n.3250 al n.3254). Questa settimana è disponibile in edicola e fumetteria il libretto n.3254 con l’ultimo episodio. La saga si ricollega al filone inaugurato con “Potere e Potenza” e proseguito con “Il raggio nero” e “Il marchio di Moldrock”. Soggetto e sceneggiatura di Francesco Artibani, matite di Lorenzo Pastrovicchio. L’episodio riprende là dove abbiamo lasciato i nostri beniamini 7 giorni fa: Pikappa, il Razziatore ed Everett riescono a liberare Moldrock, destinato da Korinna a essere usato come convertitore all’interno dell’impianto a reazione della stazione Ultima e, dunque, condannato per l’eternità a regolare il flusso del Raggio Nero trasformando l’energia della materia oscura in forza creatrice o distruttiva. Moldrock promette riconoscenza ma marcia verso il palazzo reale deciso a riprendersi il suo trono… Di soppiatto i nostri beniamini riescono a raggiungere Ultima, apparentemente abbandonata nel tentativo dei coroniani di trattare con Moldrock, con lo scopo di sabotarne il funzionamento. La stazione non è però completamente vuota: Solomon (abbandonate le vesti da androide) è rimasto a fare la guardia. L’impedimento è brillantemente gestito da Uno, che riesce a disabilitare le direttive di Korinna e ripristinare il funzionamento originario del custode. Gli imprevisti però non finiscono qui, Moldrock sta per imbarcarsi su Ultima al fine di utilizzare in prima persona la stazione-arma come mezzo di conquista dell’Universo. La presenza dei nostri eroi a bordo non passa inosservata e i tempi per i sabotaggio perciò stringono! Il piano è quello di colpire il punto debole della stazione, collocato al fondo di uno stretto e pericoloso cunicolo. La tuta a nanoparticelle di Pk viene così caricata da Uno alla massima potenza utilizzando l’energia della stazione: 100 GIGAWATT, l’ideale per polverizzare il bersaglio. Time’s up! Moldrock raggiunge il gruppo e non c’è più tempo per mettere in atto il piano. Poco male: Pk sprigiona tutta l’energia accumulata in un poderoso destro sul mascellone dell’energumeno e – incredibilmente – è sufficiente a metterlo a KO. I coroniani riprendono così il controllo della situazione e Korinna può procedere con l’esperimento. Le porte del multiverso vengono così spalancate da Ultima. Improvvisamente, però, si scatenano una serie di gravi problemi tecnici che compromettono la sicurezza della struttura. Korinna non vuole abbandonare la nave e il Custode resta al suo fianco mentre i nostri, Juniper e l’equipaggio fuggono appena in tempo. Everett ritorna così al fianco del suo popolo per guidarlo verso un nuovo ciclo e iniziare le ricerche di Korinna. Già, Korinna! Che fine a fatto? Dispersa nel multiverso, viene intercettata da una nave guidata da degli alieni molto somiglianiti agli Evroniani… Per quanto riguarda Pk, il superpapero fa ritorno...

Read More

L’orizzonte degli eventi – Ep.3 e 4

L’orizzonte degli eventi – Ep.3 e 4

Torna in edicola Pk con la nuova saga “L’orizzonte degli eventi”, che verrà pubblicata per cinque settimane su Topolino (dal n.3250 al n.3254). Ricapitoliamo in questo post il terzo episodio – uscito la scorsa settimana (Top. 3252) – ed il quarto episodio, disponibile da ieri in edicola e fumetteria (Top.3253). La saga si ricollega al filone inaugurato con “Potere e Potenza” e proseguito con “Il raggio nero” e “Il marchio di Moldrock”. Soggetto e sceneggiatura di Francesco Artibani, matite di Lorenzo Pastrovicchio. Durante il viaggio verso Corona l’astronave dei nostri viene irrimediabilmente danneggiata dalle navi da battaglia coroniane. Pk, il Razziatore e Uno riescono a scappare a bordo di una navicella di salvataggio. Everett invece viene rinchiuso nella Torre della Scienza di Corona. I nostri beniamini riescono a rifugiarsi sulla sesta luna di Corona, una sorta di enorme macchina che produce a ciclo continuo energia smaltendo rifiuti – totalmente inospitale e dunque disabitata. Attraverso una comunicazione telepatica da parte di Everett, i nostri beniamini scoprono l’ubicazione in cui Ducklair è rinchiuso e organizzano un piano per la sua evacuazione. Senza grosse difficoltà Pk ed il Razziatore riescono ad infiltrarsi nella struttura dove è rinchiuso Everett. Si sa, il Razziatore ha il passo pesante e l’incursione non passa inosservata: Korinna intercetta i due e prova a condizionare telepaticamente il Razziatore. Fortunatamente Everett riesce autonomamente a liberarsi e giunge appena in tempo in aiuto fermando il controllo di Korinna sul Razziatore. Tempo di fuggire dunque? Non ancora: Everett ha colto una traccia durante la permanenza nella torre ed è deciso ad indagare ulteriormente prima di scappare. Nel seguire la “traccia” individuata da Everett, i nostri s’imbattono in Solomon (vi ricordate? E’ l’IA della camera Omega che abbiamo scoperto essere al servizio di Korinna nel primo episodio della saga) che è messo a guardia della fonte dell’anomalia percepita da Everett. Le botte non si fanno attendere; in ogni caso i 3 riescono a superare l’ostacolo e accedere alla camera protetta da Hicks: si tratta di una cella per Moldrock! Pare che Moldrock abbia un qualche ruolo all’interno del progetto di conversione energetica della materia oscura; i nostri decidono perciò di cercare di liberarlo ma sono messi in fuga a causa dell’arrivo dell’esercito coroniano. Termina così il terzo episodio. L’intero pianeta è setacciato alla ricerca dei fuggitivi Everett, Pk e il Razziatore, mentre i piani di completamento di Ultima proseguono indisturbati. I nostri però hanno le idee chiare: intrufolarsi nel Cenobio delle Telepati per ottenere delle informazioni più di dettaglio sul piano delle sorelle Duckalir, ivi incluso il ruolo di Moldrock. Una volta all’interno incontrano immediatamente la Magistra, con la quale Everett inizia uno scontro mentale. ED ha acquisto...

Read More
content top