content top

Paperinik #71 (05/11/2022)

Paperinik #71 (05/11/2022)

In edicola dal 5 novembre il settantunesimo numero della nuova testata “Paperinik”, ideale prosecuzione di “Paperinik AppGrade”. 4,20€ per 194 pagine in formato pocket. In allegato omaggio la banconota da 600 dei Topodollari dedicata a Trudy. Storie a fumetti – Diary of a Wacky Knight: Il calderone della discordia (Pesce/Usai) -> Inedita – La fondazione Paperinik (Sarda/Marabelli) – Paperinik e i raggiri dei V.A.M.P.I.R.I. (Michelini/De Vita) – Paperinik e l’ultimo scherzo (Mazzoleni/Meloni) – Paperinik e il cancello di Kwart (Fasano/Bonardi) – Paperinik e in crisi (Panaro/Marabelli) PK – Pikappa: Storie Brevi – [email protected] in codice (Garufi/Ambrosio/Urbano) – Ghiaccio rovente (Ostini/Perissinotto) Commento Con una copertina ad opera di Ivan Bigarella particolarmente azzeccata visto il clima più estivo che autunnale, si apre un nuovo numero di questa testata. La storia inedita è il terzultimo appuntamento della saga Diary of a Wacky Knight, primo e per ora unico ciclo uscito in Francia un anno fa. L’opera si dimostra ancora una volta ben strutturata, curata sia nella trama che nei disegni e valorizza il mensile come poche altre uscite da edicola. Nella storia di questo mese sono inoltre presenti delle guest star come il Mago Basilisco, cattivo storico Disney dell’universo di Biancaneve. La sua apparizione più recente è quella in Donald Quest, altra serie fantasy pubblicata su Topolino a partire dal n° 3240. Insieme al mago, dalla stessa storia d’esordio I Sette Nani cattivi contro i Sette Nani buoni, entrano in gioco i Sette Nani in versione malvagia: Furbicchio, Sibilo, Maligno, Mastino, Ricino, Spinaccio e Cipiglio. Tutti trovano il loro giusto spazio e vengono sapientemente gestiti. La selezione delle ristampe recupera un’inedita dell’ex Appgrade, Paperinik e l’ultimo scherzo, e altre più classiche come Paperinik e il raggiro dei V.A.M.P.I.R.I., fornendo un menù ampio e variegato. Prosegue inoltre il viaggio con le avventure secondarie di PK – Pikappa. In questo numero [email protected] in codice, con Uno e PK che devono fronteggiare un presunto attacco evroniano. In Ghiaccio rovente il protagonista è ancora una volta il caro Angus Fangus che nelle brevi di questa serie trovava più spazio rispetto alle storie appendice di PKNA. In conclusione volume imprescindibile per chi sta seguendo la saga di Sir Paperinik o quella di PK Frittole ma anche un albo valido per il lettore occasionale, con storie lunghe e di qualità. Non manca la sezione dedicata ai disegni dei lettori e le...

Read More

PK Giant Angus Special Edition

PK Giant Angus Special Edition

Da ottobre in edicola un nuovo numero della collana Pk Giant, edita da Panini. 9,90€ per un formato gigante di ben 27,5×20 cm (esattamente il formato del Rat-Man gigante di Panini per intenderci). Copertina lucida molto morbida e pagine in carta ruvida. Si tratta dell’ultimo tassello utile per completare la collana con tutte le storie di PKNA, sia le principali che le brevi. Il volume include tutti gli episodi della miniserie Angus Tales: Colonne infami (PKNA n° 8) Rumori di fondo (PKNA n° 9) Senza benza (PKNA n° 10) Cani (PKNA n° 11) Il posto sbagliato (PKNA n° 12) Il grande scoop (PKNA n° 13) Visite inattese (PKNA n° 48) L’albo è impreziosito da un ampio excursus sul personaggio di Angus e il micromondo che ruota intorno a lui. Oltre ad essere piacevole da leggere ed approfondito, rende il volume fruibile anche a chi si affaccia per la prima volta alla serie. Per chi non lo sapesse, l’esigenza di questo numero nasce da una svista nell’ultimo PK Giant, lo speciale dedicato alle miniserie. Il volume doveva raccogliere quelle brevi che non hanno trovato spazio nei numeri regolari dopo la riduzione del numero di pagine. PK Giant Double Special Edition – Le miniserie include: Vedi alla voce Evron 5Y Io sono Xadhoom Trip’s strip Fuori Onda Lo zen e la fisica dei quanti   Per errore è stata saltata Visite Inattese uscita originariamente in “Le parti e il tutto”, n° 48 di PKNA. Le prime sei invece sono state regolarmente ristampate nei primi numeri del Giant. Un errore di sole otto pagine che avrebbe lasciato davvero l’amaro in bocca visti gli sforzi di Panini Disney per chiudere adeguatamente il progetto. Guardando indietro il percorso è stato lungo e travagliato. PK Giant esordiva nel Novembre 2014 con addirittura una versione variant sketch che poteva essere fatta personalizzare dai propri autori preferiti alle fiere del fumetto. La doppia cover, marchio di fabbrica della prima serie, veniva sostituita da una cover singola inedita. Formato e dimensioni riprendevano quelle di Rat-man Gigante. Inoltre, invece di partire con la numerazione originale, ovvero dal numero “Zero”, si optava per un generico numero 1. Da una parte una scelta dovuta per non confondere i nuovi lettori, dall’altra si perdeva il doppio senso del numero 2 (PK Giant n° 5) che pubblicava l’episodio intitolato “Due”. Si tratta comunque di un dettaglio irrisorio, specie se si considera uno dei fattori che più ha indispettito gli appassionati: la scelta del tipo di carta. Gli albi originali della serie si caratterizzavano per una carta lucida che metteva in risalto colori, luci e atmosfere. La carta ruvida del PK Giant non garantiva la stessa resa ma considerate le dimensioni maggiori dello...

Read More

Guida alle ristampe di Pk

Guida alle ristampe di Pk

Una delle domande più frequenti che ci vengono poste o che si possono leggere in forum e social è la seguente: “come posso recuperare tutte le storie di Pk?” o “che differena c’è tra Pk e Pikappa?“. E ancora “a cosa si collega e cos’è PKNE o Topolino Fuoriserie?“. Insomma, i dubbi sono tanti e per i neofiti non è sempre facile districarsi tra le avventure attualmente in corso e le innumerevoli ristampe. In occasione dell’uscita dell’albo conclusivo di PK Giant abbiamo pensato di provare a fare ordine.   Chi è PK? Bisogna distinguere prima di tutto due filoni nettamente separati: PKNA e PK – Pikappa. PKNA, PK New Adventures, è stata la prima serie dedicata al Superpapero. PK altri non è che il Paperinik di sempre, quello nato dalla mente di Elisa Penna e le matite di Guido Martina, qui calato in avventure ipertecnologiche e più intense rispetto a quelle del classico giustiziere mascherato. PKNA è seguito direttamente da PK², conclusosi bruscamente nel 2002 lasciando aperti diversi interrogativi. La trama è stata ripresa nel 2014 sulle pagine di Topolino in quella che è stata ribattezzata PK New Era, appunto PKNE. Questa si compone di diverse saghe ad episodi ripubblicate in formato cartonato DeLuxe edito da Panini Comics: Potere e Potenza Gli Argini del Tempo Il Raggio Nero PK Tube PK vs DD – Timecrime Cronaca di un Ritorno Il Marchio di Moldrock L’Orizzonte degli Eventi Droidi Una leggendaria notte qualunque/ Zona franca (DeLuxe venduta separatamente dai cofanetti) L’attuale corso di PK prosegue su Topolino Fuoriserie, nuova veste cartonata per questo genere di storie. I nuovi episodi possono essere idealmente collocati post-PKNE. La prima saga conclusasi su questa testata è quella dei Galaxy Gate e si compone di sei volumi disponibili in cofanetto: Un nuovo eroe Danger Dome Ur-Evron I Giorni di Evron Obsidian I Giorni di PK É attualmente in corso quella che potremmo definire la saga del Ragno d’oro: La danza del ragno d’oro Makemake Il principio di Voyda Esprimi un desiderio (in uscita a Gennaio 2023) PK – Pikappa è invece il reboot pubblicato tra il 2002 e il 2005. Si tratta di un universo alternativo in cui Paperino non è mai stato a Villa Rosa e non è diventato Paperinik. Come da titolo del primo episodio, Un supereroe per caso, Paperino scopre l’esistenza dei Guardiani della Galassia ed entra a farne parte. Altra differenza degna di nota è l’origine del nome PK che in questo caso deriva dal codice dello scudo Extransformer. Tra alcuni ritorni e rivisitazioni di personaggi già noti, la serie non ha avuto molta fortuna ed è nota volgarmente come “Frittole“. Infine esistono anche degli Spin-off, totalmente slegati...

Read More

Topolino Fuoriserie – Il principio di Voyda

Topolino Fuoriserie – Il principio di Voyda

In edicola dal 27 ottobre l’ultimo numero della testata “Topolino fuoriserie” in cui trova spazio la nuova storia di Pk “Il principio di Voyda” sceneggiata da Alessandro Sisti e disegnata da Paolo Mottura. L’albo è cartonato in grande formato (21×28), conta quarantotto pagine ed è disponibile in edicola e fumetteria a 10€. Assente qualsiasi contenuto redazionale. Dal punto di vista della continuity, le vicende possono essere temporalmente collocate a valle di tutte le nuove pubblicazioni su Pk edite negli ultimi anni, nelle quali è stata ripristinata la classica condizione iniziale del canovaccio Pikappico: Uno attivo al 151° piano della DT e Pk pronto ad intervenire con l’aiuto di Lyla ed altri amici. L’episodio è il terzo della saga iniziata da Sisti con “La danza del ragno d’oro” e proseguita poi con “Makemake” sempre sulla testata Topolino Fuoriserie. Rspetto alla sceneggiatura l’impianto dell’albo è convincente. Per quanto riguarda i disegni e i colori, le tavole rimandano principalmente alle atmosfere tipiche che troviamo su Topolino anziché all’universo Pk. In particolare, il character design di Xadhoom è davvero difficile da accettare per i Pkers di lunga data. – – – INIZIO SPOILER – – – Rispetto alla sinossi, ricorderete che all’inizio della saga di Siiti abbiamo assistito ad uno stravolgimento degli inquilini della Ducklair Tower: dieci piani occupati dalla Reboot, società della geniale scienziata e imprenditrice Dunia Voyda, ed il 150° piano affittato da Occhibelli. Come già accaduto nello scorso episodio, è Voyda al centro della scena: un misterioso individuo la attende in ufficio. Porta in dono dei progetti segreti sui quali chiede alla Dottoressa di iniziare a lavorare con la massima riservatezza, soprattutto nei confronti di giornalisti come Lyla. Uno (che da buon vicino ha sempre l’orecchio teso), si rende conto dell’arrivo del misterioso individuo e averte Pk e Xadhoom. I nostri beniamini non riescono però a captare la conversazione con Voyda perché i sensori del palazzo sono stati disturbati dall’ospite che è entrato ed è uscito dalla DT quasi magicamente. L’ipotesi è subito quella di un cronopirata e Lyla viene immediatamente ingaggiata per una consulenza dal gruppo. Sorprendentemente, non risulta alcuna dispersione di tachioni concomitante alle apparizioni/sparizioni del misterioso ospite, così Lyla decide di provare ad indagare come giornalista direttamente alla Reboot ma Dunia è molto algida e non fa trapelare alcun dettaglio. Maggiori informazioni riesce però ad ottenerle Uno, sbirciando all’interno dei computer della Reboot: è in costruzione una macchina del tempo, presumibilmente utilizzando le informazioni che Voyda ha ricevuto dall’inatteso ospite. Le componenti però non sono complete, manca un fattore determinate a far funzionare il macchinario. Lyla comunica prontamente le informazioni raccolte a Time Ø per capire di più sulla faccenda. Nel frattempo, il misterioso figuro – desideroso di conoscere gli avanzamenti sugli sviluppi delle...

Read More

Paperinik #70 (05/10/2022)

Paperinik #70 (05/10/2022)

In edicola dal 5 ottobre il settantesimo numero della nuova testata “Paperinik”, ideale prosecuzione di “Paperinik AppGrade”. 4,20€ per 194 pagine in formato pocket. Storie a fumetti – Diary of a Wacky Knight: La disfida della nespola (Gatti/Mazzarello) -> Inedita – Terrore nel castello (Faraci/Ferrario) – Paperinik e il prodigioso biointegratore (Tulipano/Leoni) – Paperinik e il fantasma fantatronico (Pesce/Vian) – Paperinik e l’anello del male (Russo/Barozzi) – Paperinik e la dimensione sovrapposta (Panaro/Meloni) – Collaudi (Salvagnini/Gervasio) – Sorprese (Salvagnini/Gervasio) PK – Pikappa: Storie Brevi – Immagine a fuoco (Ambrosio/Dalena) – Ho salvato il pianeta! (Vitaliano/Migheli) Commento La bella ed iconica cover di questo numero è ad opera di Ivan Bigarella per i colori di Luca Merli. Salutiamo quindi con affetto Fabio Celoni che, anche se ancora accreditato come copertinista, sappiamo aver ceduto il testimone il mese scorso. Nella sezione delle inedite continuano le avventure di Sir Paperinik, con uno invece di due episodi. Possiamo presumere quindi che la saga ci terrà compagnia fino a Gennaio dell’anno nuovo con l’ottava e ad oggi ultima storia. Un plauso va ai disegnatori che alternandosi mantengono uno stile uniforme, senza quasi far avvertire il cambio di autori. La selezione di ristampe è invece disastrosa. Sono state ripescate storie dai primi numeri datati 2017, anno ricordiamo dell’azzeramento della numerazione di Paperinik Appgrade. La scelta è totalmente casuale; basti vedere l’avventura in cui fa la sua ricomparsa Steve Steampunk alias Il Cavaliere Analogico, curatore del Museo di Scienze e Tecnologia di Paperopoli. La miniserie comprende: Paperinik e la fantomatica Fantomius Paperinik e l’ignobile attacco della telefonia mobile Paperinik e il fantasma fantatronico Non solo l’episodio di questo numero è l’ultimo ma è stato già proposto all’interno della collana. Appare ovvio ormai che l’intento sia quello di rimpinzare ad ogni costo il volume, come si può intuire dalla ristampa di due one-page in fondo all’albo che tra l’altro non sono state inserite nell’indice della quarta di copertina. Discorso simile vale per la serie Quando Paperinik mangia pesante, di cui abbiamo riletto Incubo nella palude su Paperinik 68 e Terrore nel castello in questo numero. Continua invece ad essere bellamente ignorata La sfida titanica, la prima in ordine cronologico. Proseguono le storie brevi di PK – Pikappa con Immagine a fuoco, in cui Camera 9 ci dà un punto di vista personale su Angus Fangus e i suoi metodi. Molto simpatica la citazione nella prima tavola all’opera di Tolkien, allora trasposta al cinema, che qui diventa Il Signore degli Agnelli. A seguire Ho salvato il pianeta! dove la gag dell’equivoco la fa da padrone. In conclusione quindi un numero deludente se non per quello che c’è di veramente inedito. Non ci stanchiamo...

Read More

Topolino Fuoriserie – Makemake

Topolino Fuoriserie – Makemake

In edicola dal 31 agosto l’ultimo numero della testata “Topolino fuoriserie” in cui trova spazio la nuova storia di Pk “Makemake” sceneggiata da Alessandro Sisti e disegnata da Marco Mazzarello. L’albo è cartonato in grande formato (21×28), conta quarantotto pagine ed è disponibile in edicola e fumetteria a 10€. Assente qualsiasi contenuto redazionale. Dal punto di vista della continuity, le vicende possono essere temporalmente collocate a valle di tutte le nuove pubblicazioni su Pk edite negli ultimi anni, nelle quali è stata ripristinata la classica condizione iniziale del canovaccio Pikappico: Uno attivo al 151° piano della DT e Pk pronto ad intervenire con l’aiuto di Lyla ed altri amici. Rspetto alla sceneggiatura l’impianto dell’albo è convincente. Per quanto riguarda i disegni e i colori, le tavole rimandano principalmente alle atmosfere tipiche che troviamo su Topolino anziché all’universo Pk. In particolare, il character design di Xadhoom è davvero difficile da accettare per i Pkers di lunga data. – – – INIZIO SPOILER – – – Rispetto alla sinossi, ricorderete che al termine dello scorso albo, La danza del ragno d’oro, abbiamo assistito ad uno stravolgimento della gestione e, soprattutto, degli inquilini della Ducklair Tower: dieci piani occupati dalla Reboot, società della geniale scienziata e imprenditrice Dunia Voyda, ed il 150° piano affittato da Occhibelli. La vicinanza di tutti questi personaggi di alto profilo stimola reciproche curiosità e così Pk, Uno e Xadhoom si trovano a seguire il lancio di un veicolo spaziale della Reboot quando un misterioso blocco nelle comunicazioni dalla rampa di lancio porta Voyda a recarsi fisicamente in elicottero sul posto per capire cosa stia succedendo. Pikappa, da vero galantuomo impiccione, non può che precipitarsi anch’egli sul posto per indagare sulla faccenda. L’arrivo del Superpapero alla base di lancio è provvidenziale: il sito sembra essere militarmente occupato dalle medesime guardie che avrebbero dovuto garantirne la sua stessa sicurezza. All’improvviso un mezzo non identificato decolla dalla base, le guardie rinsaviscono e lasciano entrare Pk e Voyda nel centro. I guardiani non ricordano nulla di ciò che è accaduto: è stato loro messo in testa un casco con cui gli aggressori si sono impadroniti della loro volontà. I particolari caschi rinvenuti sui guardiani non sono qualcosa di nuovo per i nostri eroi: si tratta di parte della tipica armatura degli En’Tomek (quei robot propaggini di un’intelligenza collettiva -la Condivisione – che hanno dato del filo da torcere agli evroniani in Cronaca di un ritorno). Ad ogni modo, la vista degli aggressori non ha danneggiato alcuno e nessuna attrezzatura risulta manomessa. Il gruppo ritorna alla Ducklair Tower e mentre Voyda inizia a studiare i caschi extraterrestri rinvenuti scoprendo che includono degli avanzatissimi sistemi di comunicazione interstellari, Uno riesce a rintracciare la navetta decollata dal...

Read More

Paperinik #69 (05/09/2022)

Paperinik #69 (05/09/2022)

In edicola dal 5 settembre il sessantanovesimo numero della nuova testata “Paperinik”, ideale prosecuzione di “Paperinik AppGrade”. 4,20€ per 194 pagine in formato pocket. Storie a fumetti – Diary of a Wacky Knight: Sir Paperinik e la maledizione della pioggia senza fine(Gatti/L. Pastrovicchio) -> Inedita – Diary of a Wacky Knight: Il custode degli abissi(Pesce/Cangialosi) -> Inedita – Paperinik e la rischiosissima superpartitissima (Macchetto/Asaro) – Paperinik torna a scuola (Russo/Celoni) – Paperinik e l’insospettabile fan (Secchi/Mottura) – Paperinik e la fortuna in prestito (Russo/Soldati) PK – Pikappa: Storie Brevi – Il metodo orientale (Savini/A. Pastrovicchio) – La mamma è sempre la mamma (Cabella) Commento Continua la serie inedita in Italia di Diary of a Wacky Knight con altri due episodi. Nuove sfide attendono Paperino lo scudiero a.k.a. Sir Paperinik e il suo fedele “destriero” Tiburzio. Il tutto è narrato in stile cavalleresco seppur con qualche contaminazione lessicale moderna. Se da una parte può sembrare un eccesso di licenza creativa, dall’altra non può che catturare l’interesse dei più piccoli. Il fronte ristampe latita di novità interessanti questo mese oltre a presentare qualche auto-ristampa dai primi numeri. Da segnalare Paperinik torna a scuola: sia perché il rientro in classe è imminente sia perché è una di quelle storie che sul mensile non si vedono dalla serie Paperinik Cult. Non manca l’appuntamento con le brevi di Pikappa, la terza serie nota come Frittole. Qui ristampate Il metodo orientale, fortemente ispirata a Karate Kid e La mamma è sempre la mamma, dove rivediamo all’opera Rangi, la mamma del giornalista Angus Fangus. Numero meno interessante di quello precedente ma da non perdere per l’epopea cavalleresca di Sir Paperinik e ovviamente per completare le storie di PK – Pikappa. L’albo si chiude con la consueta sezione dedicata ai disegni dei lettori e le...

Read More
content top